Back to top

Il tempo per prendere o lasciare

Il tempo per prendere o lasciareQuando partecipiamo a tornei di poker online dobbiamo pensare velocemente sulla soluzione migliore da prendere. Da studi scientifici il nostro cervello impiega circa 4 decimi di secondo per prendere una decisione, che nel 75% dei casi risulta essere sbagliata.
Al tavolo da gioco non possiamo permetterci il lusso di prendere decisioni avventate e, fortunatamente, possiamo farlo con un margine di tempo più

ampio di 4 decimi, rimane comunque un intervallo di tempo limitato.

Il poker è già di per se un gioco veloce, gli stessi partecipanti mantengono dei ritmi sostenuti che, a volte, li costringe a fare una mossa anche se preferirebbero avere un po più di tempo per ragionare. Ma tutto questo fa parte del gioco. Prendere o lasciare!

Non è quindi una banalità quando si sente parlare di allenare la mente del giocatore. Chi vuole ottenere discreti risultati al tavolo da gioco on line è obbligato ad esercitare il proprio cervello. L'obiettivo è quello di riuscire a sviluppare il pensiero critico per poter prendere le migliori decisioni in tempi ristretti.
Per far questo bisogna acquisire il maggior numero di conoscenze per poi applicarle durante una partita. L'iter è semplice: approfondimenti teorici, tanta esperienza sul campo e una grande dose di rapida riflessione, quest'ultima è un dono che pochi pokeristi possiedono.

Per vincere serve avere avere un buon grado di conoscenza, quando si è in grado di gestire le situazioni più intrigate in un tavolo for fun, avremo più chance di ottenere successi ad un tavolo da gioco in real money.

Decidere se: passare, puntare, lasciare, accettare, rilanciare o controrilanciare deve avvenire in pochi secondi. Alcune decisioni devono essere prese a caldo durante la sfida. Non c'è il tempo e non esistono i mezzi per fare simulazioni, bisogna agire subito!

Punti chiave
Però abbiamo tutto il tempo per studiare i nostri avversari e calcolare il margine di vincita.
Cercare di capire cosa potrebbero avere in mano ed osservare e categorizzare il tipo di gioco degli avversari è determinante.
Ma il dato più rilevante è sapere quanto il piatto può offrirci, per questo dobbiamo essere sempre al corrente del margine di vincita.